Giovanni Trapattoni

Giovanni Trapattoni (Cusano Milanino, 17 marzo 1939) è un allenatore ed ex giocatore professionista di calcio.
Di ruolo mediano, ma usato all’occorrenza anche come difensore, Trapattoni fu una colonna portante del Milan di Nereo Rocco. Dopo 14 stagioni coi rossoneri e la vittoria di due Champions League, finisce la sua carriera con il Varese.
Dopo aver appeso le scarpe al chiodo, «il Trap» diventa allenatore del Milan a soli 34 anni. Nel 1976 riceve la chiamata della Juventus del presidente Boniperti ed è subito scudetto.
Con i bianconeri colleziona ben 13 titoli.

Si accasa poi sulla sponda opposta dei Navigli, prendendo in mano le redini
dell’Inter fino al titolo dei record nel 1989. A metà ‘90 si distingue per essere tra i primi tecnici a migrare all’estero, direzione Monaco, dove, immancabilmente, vince il campionato.
Nel 2000 diventa CT della Nazionale Italiana, ma, complici un «biscotto»
indigesto ed un arbitro parziale, non lascia il segno come meriterebbe.
Oggi è un apprezzato opinionista televisivo, ma è solo un passa-tempo: il
richiamo del calcio è sempre dietro l’angolo.

"Allenare vuol dire dare una morale,
un’etica di educazione e trasmettere al
gruppo lo spirito di appartenenza"

«Non Dire Gatto» è l’autobiografia di Giovanni Trappatoni, scritta a quattro mani col giornalista Bruno Longhi.