BATKI-PELLACANI STORICO ORO AGLI EUROPEI DI KIEV

È storia. Un titolo bellissimo e mai vinto prima, in una specialità olimpica: Noemi Batki e Chiara Pellacani conquistano la medaglia d’oro dalla piattaforma dieci metri synchro donne agli Europei di Kiev 2019.

Dopo alcuni giorni di tempo variabile, su Kiev è arrivato un caldo sole che ha spazzato via tutte le nuvole. A rendere il cielo ancora più azzurro c’hanno pensato un’inossidabile lady dei tuffi e una giovane leonessa per un’Italtuffi che scrive un’altra pagina di storia. Tutta cuore, grinta e classe la gara delle Azzurre – già settime ai Mondiali di Gwangju – nonostante un piccolo infortunio occorso alla giovane romana nell’ultimo tuffo nella fase di riscaldamento (contrattura al tricipite), che chiudono con 290.34 punti, precedendo le britanniche Poebe Banks ed Emily Martin con 284.40 e le favorite russe Ekaterina Beliaeva e Iuliia Timoshinina bronzo con 277.50.

“Non mi sono fatta condizionare dall’infortunio nel riscaldamento – ha dichiarato Chiara Pellacani – Sono emozionata perché non mi aspettavo l’oro, la medaglia certamente sì, ma non quella più preziosa. Saltare dalla piattaforma con Noemi mi piace tantissimo; da lei ho tanto da imparare ogni giorno”. 

Con l’oro agli Europei di Kiev, Noemi Batki torna a conquistare un titolo continentale otto anni dopo il primo (nel singolo dalla piattaforma, a Torino 2011), per la 16enne Pellacani è il secondo dopo quello nel synchro da tre metri, un anno fa a Edimburgo, che purtroppo non ha potuto difendere a causa di un infortunio di Elena Bertocchi, che le ha costrette a dare forfait.

Medaglia pesante poiché conquistata in una specialità olimpica. Per Tokyo 2020 ci sono altri quattro posti, sugli otto a disposizione, di cui quattro già occupati dalle prime tre coppie degli ultimi tre Mondiali, più il Giappone paese ospitante. L’ultima possibilità di qualificazione per Batki-Pellacani passa dalla World Cup, in programma proprio nella capitale nipponica ad Aprile, ma oggi sognare è più che mai lecito.